Caso clinico di paziente fragile e polipatologica ricoverata per fibrillazione atriale non databile con blocco atrio-ventricolare totale transitorio in shock settico da flogosi polmonare sottoposta a intervento di chirurgia addominale in urgenza per occlusione intestinale da ernia crurale strozzata.
Sono state avviate le terapie antibiotica, diuretica, idratazione, inotropa e anticoagulante per via venosa corrette per la severa insufficienza renale e le pluricomorbilità.
Per il contestuale riscontro di anemizzazione multifattoriale la paziente è stata politrasfusa fino a ottenere dei parametri stabili.
A stabilizzazione del quadro clinico-strumentale, la paziente è stata sottoposta a impianto di pacemaker definitivo: il progressivo recupero della funzione renale ha consentito una ponderata rivalutazione del rischio trombotico ed emorragico con conseguente introduzione di DOACs a dosaggio corretto per le multiple patologie.
Appare sfidante lo studio del profilo di rischio trombotico ed emorragico, l’attenta analisi delle comorbilità e della polifarmacoterapia dei pazienti fragili per ponderare in modo accurato la scelta della più appropriata terapia anticoagulante.

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account