Le evidenze attuali documentano numerose lacune circa la qualità e la quantità della terapia antitrombotica da usare nel setting acuto nei pazienti con MI e questo è ancora più vero in pazienti trattati con sola strategia conservativa. La terapia anticoagulante svolge un ruolo chiave nelle prime fasi dopo l’evento aterotrombotico e può essere ancora più importante in pazienti in cui un’efficacia nella prevenzione della trombosi di stent non sia necessaria. Nel contesto della prevenzione secondaria in pazienti con cardiopatia ischemica invece, trial come il GEMINI-ACS ed il COMPASS hanno già evidenziato l’ampio potenziale dei NOACs in associazione ad agente antipiastrinico.
Un trial randomizzato che valuti l’associazione di nuovi avanzanti agenti antitrombotici come l’edoxaban, il clopidogrel ed il ticagrelor può fornire una alternativa importante nei pazienti con MI trattati con terapia conservativa e, unitamente ai dati provenienti dal trial ENTRUST-AF-PCI, evidenziare il forte potenziale dell’edoxaban nell’ambito della cardiopatia ischemica acuta sia nel setting della gestione acuta che in quello della prevenzione secondaria.

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account